clicca sul "+" per avere maggiori informazioni

Castelsantangelo sul Nera

-Chiesa di San Martino
Realizzata in stile romanico attorno al 1300 dagli abitanti di Gualdo e da questo “San Martino dei Gualdesi”. All’interno sono custoditi numerosi affreschi di scuola umbra quattro – cinquecenteschi, alcuni dei quali attribuiti a Paolo Bontulli da Percanestro e a Paolo da Visso.
-Chiesa di San Sebastiano
Costruita nel 1528 secondo un’architettura lineare e semplice. Al suo interno sono presenti affreschi del diciottesimo secolo e, secondo tradizione, sotto il pavimento è conservato lo stendardo strappato agli abitanti di Norcia in occasione della leggendaria battaglia del Pian Perduto.
-Chiesa di Santa Maria Castellare
All’inizio del 1400 venne costruito accanto alla chiesa un convento, che nel 1878 venne trasformato in un ospizio dalla Congregazione di Carità per volontà della nobildonna Angela Paparelli. Negli anni 1980 – 1985 venne ristrutturato e divenne una casa di riposo per anziani.
L’interno della chiesa di Santa Maria Castellare fu arricchito nel tempo con prestigiose opere d’arte, fra cui il meraviglioso polittico ricco di ori e di stoffe arabescate che per alcuni critici resta una delle migliori opere di Paolo da Visso. Attualmente nel Museo - Pinacoteca locale di Visso.
Indirizzo Loc: Nocelleto
-Chiesa di Santo Stefano
Risalendo al 1300 circa, deve ritenersi contemporanea alla fondazione del paese. Nella chiesa, che presenta una solenne torre campanaria, si trova un’interessante fonte battesimale in pietra risalente al XIV secolo.
-Monastero San Liberatore
Il monastero fu sempre abitato da monache benedettine di stretta osservanza claustrale ma, dal 1958, passò alle Suore Benedettine della Provvidenza. L’interno è un insieme di volte e di stretti corridoi dove spicca lo splendore della pietra viva.
La deliziosa cappella è ricca di affreschi, al centro dell’abside troneggia il Cristo "Liberatore" tra la Madonna e S. Benedetto; nell’arcata una graziosa Annunciazione, molti Angeli e Santi: il tutto da attribuirsi a Paolo da Visso ed alla sua scuola negli anni 1474 – 1476. Degno di rilievo l’artistico tabernacolo in legno decorato e scolpito risalente ai primi del 1600.